“TUTTAVITA” TORRE LAURA – SPERONE SUD gruppo del Ciareido, Marmarole.

Scritto da Giuliano in . Inviato in Alpinismo, Vie nuove

Nuova via nel gruppo delle Marmarole Zona Pian Dei Buoi (avancorpo Torre Laura 2420m parete sud) Via attrezzata completamente a fixe da 10mm aperta nell’estate 2016 da Pivi, Riccardo e Letizia

28-08-2016

Il racconto di Riccardo Donò dell’apertura in più riprese della nuova via d’arrampicata ‘Tuttavita’ (VI, 355m), aperta sull’avancorpo sud della Torre Laura, gruppo del Ciareido, Marmarole (Dolomiti) insieme a Letizia Donó e Alex Pivirotto. LA VIA È APERTA! Ieri sera, dopo sei ore di battaglia e quattro ore fra avvicinamento, calate e rientro, abbiamo aperto la nuova via alpinistica per la vetta dello sperone sud della Torre Laura, gruppo del Ciareido, Marmarole. Tuttavita, questo è il nome che Letizia, 13 anni, ha voluto dare alla via, percorre la parete sud dello sperone, con una linea elegante e logica. Non sfrutta i punti deboli della parete, ma si sviluppa sempre in verticale, eccetto un piccolo trasferimen…to e venti metri di roccette fino alla base della torre. Undici tiri, per lo più tra 35 e 40 metri, quasi quattrocento metri di dislivello e difficoltà costanti di IV+, con tiri di V, V+ e VI. La discesa prevede due calate in doppia. La prima di 50 metri, di cui parte del vuoto, e la seconda di 20. Poi una cengia segnalata e una corda fissa da noi attrezzata, conducono fino ad una sella e da qui un sentiero riporta all’attacco. In vetta, abbiamo lasciato il libro di via e i “lung-ta”, i cavalli del vento tibetani. Un grazie di cuore ai compagni di cordata, e una preghiera alla montagna, che non ci ha respinto, e che ci ha affrontato con onore.

dal racconto di Riccardo Donò

 

La Cruna dell’Ago

Scritto da Giuliano in . Inviato in Alpinismo, Senza categoria, Vie nuove

 Gianmario Meneghin

Flavio Durigon

La Cruna dell’Ago Qualche anno fa passando su per forcella Scodavacca,avevo visto una possibile bella linea sulla Cima Maddalena e da li a poco assieme a degli altri amici sempre del Gruppo Rocciatori “RAGNI”avevamo aperto “Generazioni”una bella vietta che abbiamo dedicato a un vecchio “Ragno”scomparso Lanfranco Cicci Cattel. Nei momenti di riposo durante l’apertura tra un tiro e l’altro guardavo l’Ago del Cridola dirimpettaio proprio della via che stavamo aprendo,e mi chiedevo quante vie,a parte la via Costacurta-Reginato,andassero su per quella parete di quasi 500 metri fino in cima. Dopo essermi informato sugli itinerari e aver scoperto che non c’erano altre vie che salissero il pinnacolo più bello del Cridola ho pensato di aprirne una nuova io. Cosi un pò alla volta ho cominciato a portare su alla base il materiale che mi sarebbe servito per aprire una via come e dove volevo io. Come,perché volevo aprire un itinerario con protezioni sicure,e dove,perché volevo cercare oltre alla linea logica anche la difficoltà sulla roccia migliore. Ho aperto i primi tiri da solo in auto sicura,mettendo una corda fissa per risalire nelle volte successive fino a dove ero arrivato nell’apertura,poi vedendo che da solo la cosa veniva tirata troppo per le lunghe mi sono fatto assicurare da degli amici che si sono generosamente alternati nelle varie volte che siamo saliti dal Rif. Padova fino a questa nuova creatura che pian piano stava crescendo. Domenica 14 Agosto 2016 con Christian Casanova abbiamo chiuso il conto. Avrei voluto fare una linea completamente nuova ma il diedro camino degli ultimi tiri era un opera d’arte naturale che non aveva bisogno di altro e visto che proprio sulla cima il sasso incastrato dove c’è la sosta di vetta crea un grosso foro proprio come il buco per far passare il filo negli aghi per cucire ,“La Cruna dell’Ago” mi sembrava il nome appropriato. Ringrazio chi è venuto con pazienza a condividere l’apertura di questa modesta via,Alessandro Marengon il nostro instancabile cyborg d’acciaio ,Giorgio Venturelli,Flavio Durigon compagno di mille avventure nonché uno dei miei migliori amici e la domenica finale, il fortissimo e simpaticissimo Christian Casanova l’alpinista ingegnere futura guida alpina che ha appena aperto una via molto dura con poche protezioni la “Via Marty” sulla bellissima parte Nord-Est del Mimoias. Un doveroso ringraziamento va anche a Paolo De Lorenzo e Barbara Super gestori del Rif.Padova che con la loro esperienza,ospitalità e cortesia sono sempre presenti e disponibili sia per alpinisti,escursionisti e soccorritori in uno dei rifugi meglio gestiti delle Dolomiti. Era tanto che volevo dedicare una via a mio padre e mio figlio… la Cruna del Ago è per loro.

Alessandro Marengon

 Frostian con Ghin

VIA SPIGOLO ANJA

Scritto da Giuliano in . Inviato in Alpinismo, Vie nuove

Croda dell’Arbel (parete est)

Scritto da alex in . Inviato in Alpinismo, Vie nuove

Il 22 giugno 2012 Alex Pivirotto e Feruccio Svaluto M. ragni e Guide Alpine della scuola TreCime hanno aperto una nuova via sulla bellissima parete del Arbel in Marmarole.

La salita è durata 13 ore d’arrampicata effettiva, con difficoltà dal 6° al 7°+  600m. di sviluppo e 14 lunghezze di corda.

Antelao: I Crostoli di S.Lorenzo

Scritto da o3o in . Inviato in Alpinismo, Vie nuove

In breve

Via I crostoli di S. Lorenzo Sviluppo 350 metri
Cima La Rocca Ore 6 ore
Gruppo Antelao Grado massimo 8
Data 10/08/1995 Versante Sud

Salitori

  • Orfeo Da Via’
  • Antonio Mereu

Attacco

Si inizia a salire “in conserva” (II e II+) per caratteristici gradoni per circa 300 metri (attacco).

Relazione tecnica

  1. Si sale sulla sinistra del pilastrino per un avancorpo facile fino a raggiungere una placca (spit di progressione) che si supera per esile fessura puntando poi a destra verso una bombatura. Sosta (20 m. di IV, V e VI+ 3 chiodi intermedi lasciati).
  2. Sempre per fessura, che qui diventa piu’ marcata, si sale per 15 m. con un’arrampicata molto atletica ed elegante (utile qualche friends) fino in sosta (20 m. di V+, VI+ e A0 (oppure VIII- ) 3 chiodi intermedi lasciati e 2 di sosta lasciati)
  3. Si prosegue ancora per fessura che dopo pochi metri si dirama in due direzioni: si segue quella di destra, poi per rocce lavorate dall’acqua si esce in vetta al pilastrino. Sosta (20 m. di V,VI+, IV+ e V; 1 chiodo intermedia lasciato, 2 chiodi di sosta lasciati).

Discesa

Dalla cima del pilastrino si punta al colletto che la congiunge con la cima principale de La Rocca. Si trova un primo camino dove, scendendo un metro, si trova uno spit di calata e con 50 metri (corda doppia) si e’ nuovamente alla base del pilastrino. Poi seguendo il percorso iniziale “in conserva” si raggiungono le ghiaie basali.

Note

Via moderna che si sviluppa su roccia stupenda, le soste e protezioni sono state lasciate. L’arrampicata su questa via offre emozioni da palestra pur essendo in quota.

Tofana di Rozes: Bye-bye friend

Scritto da o3o in . Inviato in Alpinismo, Vie nuove

In breve

Via Bye-bye friend Sviluppo 300 mt
Cima Tofana di Rozes Ore 5 ore
Gruppo Tofane Grado massimo V
Data 04/06/1983 Versante Parete Sud

Salitori

  • Ferruccio Svaluto Moreolo
  • Paolo Pompanin

Attacco

Sulla verticale della striscia nera presso un canalino detritico.

Orientamento generale

La via si sviluppa lungo l’evidente striscia nera che caratterizza la parete immediatamente a destra della via Eotvos-Dimai.

Relazione tecnica

  1. Seguire il bordo del canalino fino alla base di una difficile placca nera (40 m. di II).
  2. Salire lungo la placca fino ad una larga fessura e seguirla per un tratto (45 m. di III e IV).
  3. Continuare per la fessura e, prima che questa termini su una cengia, traversare a sinistra fino alla base della striscia nera sopra la cengia (40 m. di III+).
  4. Salire piu’ o meno verticalmente piegando leggerermente verso sinistra fino a raggiungere una cengia (45 m. di IV e V, un chiodo).
  5. Traversare sulla cengia verso sinistra e dove e’ piu’ facile salire fino sotto a delle placche gialle (30 m. di III).
  6. Proseguire lungo la striscia nera, obliquando leggermente verso destra (40 m. di IV e V).
  7. Superare un piccolo strapiombo e proseguire sempre lungo la striscia nera (35 m. di V e V+, un chiodo).
  8. Seguire sempre la striscia nera che in alto diventa fessura e poi camino, giungendo infine sulle facili rocce della via Eotvos-Dimai (40 m. di IV).

Note

Bella via su roccia ottima, consigliabile qualche chiodo e nuts.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close