Chi siamo

gruppo ragni Il gruppo rocciatori Ragni nasce il 19 Settembre 1945 ad opera della guida alpina Duilio De Polo....

continua ...

Antelao

Salita della canalone Opel fino in vetta all'Antelao (3263mt) discesa con gli sci dal canalone Menini..

continua ...

Amadablan

Vetta dell'Ama Dablam Spedizione del Ragno e Guida Alpina Ferruccio Svaluto Moreolo in Nepal con obbiettivo la cima dell'Amadablan

CAMPANILE DULFER

Scritto da Giuliano in . Inviato in Alpinismo, Incontri

39° CORSO ROCCIA RAGNI EDIZIONE 2017

Scritto da Giuliano in . Inviato in Alpinismo, Corsi, Incontri

TORRIONE SALVELLA mt 2336 – GRUPPO DELL’ANTELAO

Scritto da Giuliano in . Inviato in Alpinismo, Storia

Ripetizione di una via Storica e in un Ambiente Grandioso

Con i nostri Ragni: Alex Pivirotto e Flavio Fiori “Moretto”

PER PARETE N. – M. Bonafede e I. Dibona     23 luglio 1963

Il torrione si trova nell’alta val Salvella e se ne raggiunge la base da San Vito a forcella Salvella, fin dove la valle, seguendo il letto del Ru Salvella, si allarga in un ampio vallone con erba e mughi; il torrione è solcato al centro da un  ampia fessura che lo incrina dalla base fino in cima. Attacco a destra della fessura per una parete compatta (4° grado) con un piccolo strapiombo (5° grado). Dopo lo strapiombo vi è un posto di cordata. Si sale poi per 40 metri sulla verticale fino a una stretta cengia (4° sup). Da questa, con una piccola traversata a s, si raggiunge la fessura che non si abbandonerà più. La fessura presenta subito un forte strapiombo e continua poi liscia e compatta fin sotto due strapiombi che si superano direttamente pervenendo ad un piccolo punto di sosta. La fessura quindi si restringe e diventa estremamente difficile richiedendo il  superamento di diversi strapiombi e di una liscia strozzatura con uso notevole di chiodi. Si sale ancora per dieci metri, lungo fessura con minore difficoltà fino a un posto di cordata. Qui la fessura si allarga e permette di salire abbastanza comodamente fino alla vicina cima.

Dislivello 200 metri 5° e 6° grado; chiodi 25; ore 6

DISCESA: si percorre una facile cresta verso S. e si scende per il versante opposto a quello di salita, nel sottostante ghiaione.

Descrizione originale dagli autori della via, tratta dalle DOLOMITI ORIENTALI di Antonio Berti.

  Alex e Flavio

    

  La linea della via.

 

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close